fbpx

Da formatrice, le mie paure più grandi sono quelle di non riuscire a tenere viva l’attenzione, di risultare poco chiara e comprensibile, mandando tutto in fumo!

Da allieva o corsista, più o meno partecipe, di eventi e convegni, ho sempre la preoccupazione di annoiarmi e il preconcetto che la lezione, sicuramente troppo teorica, difficilmente mi tornerà utile.

Queste mie paure e preoccupazioni molto spesso vengono smentite; altre volte, ahimè, confermate.

Quali sono gli errori più comuni che uccidono l’attenzione dei corsisti?

Vediamoli di seguito.

Complessità

Linguaggio poco comprensibile, tecnico, in una lingua sconosciuta ai più.

Disorganizzazione

Aprire parentesi senza chiuderle; fare discorsi poco logici.

Carenza di sintesi

Monologhi infiniti; essere logorroici.

Questi primi tre errori sono connessi ai principi della comunicazione efficace: chiarezza, organizzazione, sintesi.  Anche in formazione, è auspicabile che il linguaggio sia comprensibile a tutti, articolato in modo logico, completo e conciso allo stesso tempo.

Voce soporifera

Parlare monotono o a basso volume, senza particolare enfasi.

Una voce neutra e a cantilena può risultare come una ninna nanna e uccidere l’attenzione.

Fermi immobili

Parlare dalla cattedra, senza mai muoversi.

Un formatore troppo statico,  barricato dietro al pc e ancorato alla cattedra, può risultare distante e distaccato; ma anche chi si muove in aula come una trottola non aiuta di certo l’attenzione.

Rimanere sempre nella stessa posizione, aggrapparsi alle proprie zone di comfort, agire con fare frettoloso e nervoso, potrebbero essere interpretati anche come segnali di difesa, messi in atto per gestire l’ansia, la paura di esporsi, il timore del giudizio.

Anche dietro ai prossimi punti possono celarsi dei meccanismi di difesa, andiamoli a vedere.

Fare il compitino

Leggere le slide parola per parola con diligenza, fare ciò che è strettamente necessario, senza arte nè parte!

Serve passione! Non basta attenersi al programma e far valere la ragione. Occhio anche al cuore, alle emozioni e alle esigenze di chi ci sta ascoltando.

Ancorarsi

Irrigidirsi sulle proprie posizioni, concentrarsi sugli interessi di un singolo partecipante escludendo tutti gli altri.

Rimanere sulle nostre posizioni non ci aiuterà di certo a far valere il nostro potere o a dimostrare quanto valiamo. Utilizzare un linguaggio di nicchia, comprensibile a pochi, non ci farà apparire di certo più intelligenti, dimostrerà semmai la nostra incapacità di comunicare.

Lasciar correre

Non prendere posizioni, non intervenire, lasciar andare il flusso degli eventi.

A volte, per facilitare la partecipazione, occorre farsi da parte, altre volte, è più utile intervenire per indirizzare la discussione d’aula verso l’obiettivo.

Evitare

Evitare di esporsi , di mettersi in discussione, di confrontarsi con gli altri.

Per amor della pace, possiamo fuggire dal conflitto, dal confronto, dalle opinioni altrui, specie se diverse dalle nostre. Possiamo scappare dalla paura di sbagliare, evitando di metterci in gioco, negandoci anche la possibilità di provare e di crescere. Ma più di tutto,  scappiamo dal timore di dover ammettere a noi stessi e agli altri di non sapere, di non valere.

Infine, concludiamo con 2 errori che possono essere facilmente evitati a monte, prevedendo una fase di progettazione:

Andare dritti come un treno

Non fare le giuste pause; correre!

Quando siamo in ritardo, tendiamo ad accelerare per paura di non finire in tempo il programma, a volte addirittura saltando gli intervalli, ignorando non solo i limiti dell’attenzione ma anche quelli fisiologici.

Andare a senso unico

Usare solo una metodologia, non considerare le differenze individuali.

Per rendere memorabile l’esperienza di apprendimento è importante stimolare più sensi, tener conto degli stili, dei diversi approcci, dei molteplici punti di vista.

Quali sono i possibili rimedi?

Oltre a prevedere una fase di progettazione,  può essere utile conoscere le basi della comunicazione efficace e le principali strategie per superare eventuali ansie connesse alla paura del giudizio, soprattutto quando si tratta di parlare in pubblico.

Possiamo esercitarci sul campo, sul lavoro e nella vita di tutti i giorni, frequentare corsi e fare esperienze.

Può essere un’idea  apprendere come gestire  un conflitto o un disappunto in aula o come interagire meglio con il nostro pubblico; possiamo prepararci all’assalto delle domande o imparare a rispondere ad esse con il giusto approccio.

In primo luogo, è necessario lanciarsi e commettere mille errori come questi. Occorre inoltre

tanta umiltà e parecchia tenacia, per mettersi in discussione ma soprattutto per avere ogni volta il coraggio di rialzarsi e la voglia di ripartire.

Gli errori sono vere e proprie batoste ma anche gemme molto preziose, perché mettendo a nudo i nostri limiti, ci regalano la possibilità di scoprire ogni volta qualcosa di più.

Leggi anche:

Le parolacce in formazione, sì o no? 10 trucchetti per mantenere alta l’attenzione in aula

Alle volte in aula bisogna ricorrere a mille stratagemmi per mantenere alta l'attenzione dei corsisti. In questo articolo vediamo alcune modalità che possono aiutarti in questa attività.

Quali corsisti non staranno mai attenti?

Esistono delle persone che sono predisposte a distrarsi? Certo che esistono, sono intorno a noi e a volte siamo proprio noi. Andiamo a vedere meglio di chi sto parlando.

Come uccidere l’attenzione dei corsisti

Quali sono i migliori modi per far perdere l'attenzione ai corsisti? Scopriamolo in questo articolo.

Cos’è l’attenzione e quali sono i suoi limiti

Sai davvero cos'è l'attenzione e quali sono i suoi limiti principali? In questo articolo potrai approfondirli meglio.

Come ti chiami? Perché ricordare i nomi dei corsisti è più importante di quello che pensi

Cosa succede se dimentichi il nome di un corsista o se lo chiami con il nome sbagliato?

Come accorgersi che i tuoi corsisti non ti stanno più ascoltando

I corsisti ti stanno ascoltando? Come capire se i corsisti sono distratti e non ti stanno più seguendo.

Ti hanno chiesto di fare il relatore a un evento. Accetti o declini?

Quando si è esperti di un settore specifico succede che ti chiamino per fare il relatore del tuo argomento. Vediamo quali sono le domande da porsi prima di dire “Ok, ci sono” e prima di iniziare a preparare l’intervento Reperisci tutte le informazioni sull’evento. La...

Come realizzare un corso di formazione progettato da qualcun altro

Tra le prime cose che un formatore impara ce n’è una molto importante: una cosa è la teoria e un’altra la pratica. Nel senso che non sempre le cose vanno come si studiano sui libri. Prendiamo ad esempio la progettazione di un corso di formazione: ci sono alcuni casi...

Come preparare un corso di formazione, quando sarai tu a tenerlo

Se un amico ti dicesse: “Prepara la valigia, domani partiamo per 3 giorni di vacanza insieme” e, senza aggiungere altre informazioni se ne andasse, probabilmente ti lascerebbe con diversi dubbi. La prima cosa che ti verrebbe da fare sarebbe quella di ottenere maggiori...

Cosa fare dopo un corso di formazione

Finalmente! Il fatidico giorno del corso di formazione che aspettavi da due mesi è arrivato e se n’è andato. Il corso è stato fighissimo, il formatore bravo, hai conosciuto un sacco di gente interessante… insomma, sei ancora carico a mille. E ora? Che te ne fai di...

Lascia un commento

Share This